Nella Guida alla coltivazione dei calçot vi mostriamo che i calçot sono i germogli che crescono da una cipolla bianca tardiva, la cipolla bianca di Lérida o Lleida. Tuttavia, la sua coltivazione è molto diffusa nell’interno della Catalogna. È tradizionale in tutta l’area occidentale, dove viene consumato dalla fine dell’inverno fino ad aprile, anche se l’inizio e la fine della raccolta possono variare a seconda della zona.

Sebbene sia una coltura autoctona, si acclimata molto bene ai diversi climi e luoghi della Spagna, per cui è possibile coltivarla nell’orto familiare o nel giardino urbano, a condizione che gli inverni siano freschi e senza forti gelate, cioè se il clima è mite.

QUANDO E COME PIANTARE

Secondo la nostra Guida alla coltivazione del Calçot, il periodo ideale per la sua coltivazione va dalla fine dell’estate all’inizio dell’inverno. La semina scaglionata ci permette di raccoglierlo in periodi diversi dell’anno e di godere così di questa prelibatezza per un periodo più lungo.

Prima di piantare i calçots vi consiglio di concimare il terreno con i getti di vermi, di decompattare bene il terreno e di mescolare fino a quando non noterete che il terreno è molto sciolto.

9769788464 e173f84a6f b

Una volta preparato il terreno, si procede a creare dei solchi di dimensioni almeno doppie rispetto ai bulbi che abbiamo inserito, circa 25-30 centimetri saranno più che sufficienti. Ricordate di lasciare una distanza di 20 centimetri tra i calçots e di 50-75 centimetri tra le linee.

Prestare molta attenzione al corretto posizionamento. La punta è sempre rivolta verso l’alto e il lato piatto verso il basso, da cui usciranno le radici. Una volta chiarito questo aspetto, annaffiamo l’area in cui verranno collocati i bulbi e introduciamoli nel terreno interrandoli per almeno 1/3 della loro dimensione,

IRRIGAZIONE

Nella Guida alla coltivazione del Calçot vi diciamo che non è una pianta molto esigente in termini di annaffiature, con un paio di annaffiature settimanali saranno più che sufficienti e se piove non è necessario annaffiare finché il terreno è umido. Ricordate che troppa acqua può far marcire i bulbi.

IMG 20190918 112907 edited

Nella nostra Guida alla coltivazione del Calçot vi mostriamo che per l’irrigazione possiamo optare sia per il tubo da essudazione che per il tubo gocciolatore se disponiamo di acqua di rete. In caso contrario, possiamo riempire le creste d’acqua con il metodo dell’allagamento.

FERRATURA O FERRATURA DI TRALCI

Questo è il motivo per cui il suo nome Calçot è calçot in spagnolo e questo è uno dei trucchi per consumare calçot di qualità che vi mostriamo nella Guida alla coltivazione del calçot.

Man mano che i germogli crescono, dobbiamo incastrarli con la terra che abbiamo su entrambi i lati. Creare una montagnola che copra quasi completamente il fusto, questo va fatto ogni volta che si vede che il fusto è lungo almeno 30 cm, lasciandone 1/3 fuori dal terreno e ripetendo tutte le volte che la pianta lo richiede. Di solito lo faccio da 4 a 5 volte.

IMG 4806 1

Tenete presente che la parte che rimane coperta sarà la parte bianca del germoglio che verrà consumata. Quindi più germogli copriamo, più ne possiamo consumare.

COME E QUANDO RACCOGLIERE

E ora, nella Guida alla coltivazione del Calçot, arriviamo alla parte che più ci piace della coltivazione, la raccolta. Normalmente possono essere raccolti a partire dai 4 mesi di età, quando il germoglio è già spesso come l’anulare, anche se c’è chi li preferisce più sottili per il consumo.

Dobbiamo affrettarci a evitare la fioritura, che riduce la qualità del Calçot, a meno che non si voglia lasciare una pianta da seme e portare a termine il ciclo completo di questa curiosa cipolla.

Calcots arrancats

Per quanto riguarda la raccolta, è molto semplice, basta tirare verso l’alto o fare leva con un forcone per ottenere il prezioso frutto del nostro lavoro.

Possiamo lasciarli seccare sulla pianta il più possibile per conservare i semi per l’anno successivo e avere così un seme che avrà nella sua memoria genetica il nostro suolo e il nostro clima, quindi si svilupperà meglio.

MALATTIE E PARASSITI COMUNI

I NSETTI.

  • Scarabeo della cipolla(Lylyoderys merdigera). Gli adulti sono coleotteri lunghi 7 mm, di colore rosso cinabro, mentre le larve sono piccole e gialle. È un parassita che si manifesta in primavera. Gli adulti depongono le uova sulle foglie e le loro larve causano danni tagliando bande parallele lungo le venature delle foglie. Prima di raggiungere lo stadio di ninfa, si seppelliscono nel terreno o nel substrato, dove vengono prodotte, fino alla maturazione e all’emersione dell’adulto. È un parassita da tenere presente perché può avere due generazioni all’anno.
  • Mosca della cipolla(Hylemia antigua). È una mosca grigio-giallastra di circa sette millimetri, con cinque caratteristiche linee scure sul torace, ali gialle con zampe e antenne nere. Ogni adulto depone circa 150 uova, che si schiudono dopo 22 giorni. Come nel caso precedente, sverna nel terreno allo stadio di pupa. La prima generazione compare con l’arrivo delle buone temperature… a fine marzo o inizio aprile, a seconda dell’area geografica in cui ci troviamo. Dopo due settimane, le uova iniziano a essere deposte singolarmente o in gruppi di circa 20 uova vicino al colletto della pianta, sul terreno o sulle squame. Le larve compaiono dopo cinque giorni e possono verificarsi fino a cinque generazioni all’anno se il clima è favorevole. Danneggia l’intera pianta: l’apice della foglia, che impallidisce e poi muore, le parti colpite dei bulbi marciscono e i fiori sono danneggiati in modo tale da abortire senza possibilità di ottenere semi.
Escarabajo de la cebolla adulto
  • Tignola della cipolla(Acrolepia assectella). Da adulto è una farfalla di piccole dimensioni, con un’apertura alare di soli 15 millimetri circa. Si distingue facilmente perché le ali anteriori sono blu oliva con piccole scaglie giallo ocra, mentre quelle posteriori sono grigiastre. Le larve sono lunghe quasi due centimetri, gialle con la testa brunastra. Le farfalle femmine depongono le uova alla fine di maggio e le larve entrano nella pianta non appena svolazzano, producendo fori nelle foglie. Questi bruchi si muovono all’interno delle foglie fino a raggiungere il bulbo, finendo per provocare marciumi a causa di infezioni secondarie causate da funghi.
  • Nematodi(Dytolenchus dipsaci). Possono attaccare le cipolle o il calçot in qualsiasi fase di sviluppo della pianta, anche se principalmente sui tessuti più giovani. Se sono allo stadio di piantina, smettono di crescere, si arricciano e perdono colore. Se i bulbi sono più sviluppati, il loro tessuto si ammorbidisce in prossimità della cima. In tutti i casi il raccolto è significativamente ridotto.
  • Tripidi (Frankliniella occidentalis) I tripidi sono insetti di forma allungata che misurano circa 1 – 2 mm (visibili a occhio nudo e riconoscibili con una lente di ingrandimento) e sono di colore marrone. Questi insetti succhiano il materiale vegetale dalla pianta di pomodoro. L’area in cui è stata aspirata presenta una colorazione argentea e alla fine diventa necrotica.

MALATTIE.

  • Peronospora(Urocystis cepulae). La malattia attacca frequentemente anche aglio, erba cipollina e porri. È una malattia trasmessa dal suolo. L’infezione inizia attaccando le prime foglie giovani vicino alla superficie del terreno. Una volta infettata la piantina, il fungo si diffonde in tutta la pianta. I sintomi dell’attacco di Urocystis cepulae si presentano sotto forma di bande color piombo che, quando scoppiano, producono masse polverose nere composte da spore. Queste spore cadono nel terreno e lo lasciano contaminato e inutilizzabile per la coltivazione della cipolla per un lungo periodo di tempo.
  • Punta bianca(Phytophtora porri). Attacca anche porri e aglio. Le punte delle foglie delle piante colpite diventano bianche, come se fossero state sbiancate dal gelo. Le foglie infette marciscono e alla fine marcisce anche l’intera pianta. Come misura culturale, si raccomanda di ruotare la coltura e di non ripeterla nello stesso campo per tre anni in caso di attacco.
  • Botrytis(Botrytis squamosa). Le caratteristiche macchie bianco-gialle compaiono su tutta la foglia. Quando l’attacco è grave, si verifica la necrosi fogliare e la pianta muore. Le condizioni di bassa umidità e temperatura sono favorevoli.
  • Alternaria(Alternaria porri). Le piante colpite presentano inizialmente lesioni biancastre sulla foglia, che diventano immediatamente marroni. Quando il fungo si sporziona, queste lesioni assumono una tonalità violacea.
tizon de la hoja de la cebolla botrytis tratamiento de las cebollas con tizon de la hoja de botrytis 1
  • Peronospora (Peronospora destructor o schleideni). Il clima caldo e umido favorisce lo sviluppo di questa malattia, che si presenta sulle foglie nuove come macchie allungate ricoperte da un feltro violaceo. Se l’attacco persiste e non viene controllato, le cime delle piante muoiono completamente e i bulbi non maturano. La peronospora si diffonde dai bulbi nel caso dei calçots, dai semi o dal terreno. Una delle misure culturali efficaci per la sua prevenzione consiste nel coltivare le cipolle su terreni leggeri, sciolti e ben drenati.
  • Ruggine(Puccinia sp.). La ruggine attacca tutte le piante del gruppo, come porri, erba cipollina, ecc. e la più sensibile è l’aglio. I primi sintomi compaiono all’inizio di maggio e provocano macchie bruno-rossastre che in seguito diventano violacee, sulle quali si sviluppano le uredospore. Le foglie colpite si seccano prematuramente e causano persino l’arresto della crescita della pianta.
  • Carbone di cipolla(Tuburcinia cepulae). All’inizio compaiono striature grigio-argentee che alla fine diventano nere. Se l’attacco avviene allo stadio di plantula, le piante colpite muoiono. L’attacco inizia con la germinazione dei semi, perché il fungo persiste nel terreno coltura dopo coltura.
  • Marciume bianco(Sclerotium cepivorum). Le piante colpite si ricoprono di una sorta di feltro cotonoso bianco, in cui a volte si vedono piccoli sclerozi sulla superficie dei bulbi. Gli attacchi si concentrano sia al momento della germinazione che all’approssimarsi della raccolta. In seguito al danneggiamento delle radici, le foglie ingialliscono e la pianta muore definitivamente.
  • Cipolla variegata. Si tratta di una malattia virale trasmessa da varie specie di afidi. Dopo l’infezione, le foglie diventano di un verde più pallido e compaiono lunghe striature gialle. Di conseguenza, le piante si indeboliscono e muoiono.

PRODOTTI CHE CONSIGLIAMO PER QUESTA COLTURA