Nella coltivazione del pomodoro spieghiamo che la pianta del pomodoro è una pianta appartenente alla famiglia delle Solanacee e sebbene la coltivazione del pomodoro sia oggi diffusa in tutto il mondo.

È molto apprezzato per il suo frutto rosso, ricco e carnoso, che viene chiamato pomodoro e che utilizziamo ogni giorno sia crudo che trasformato in modi diversi, come il pomodoro fritto, il pomodoro secco…

Per quanto riguarda la sua coltivazione, ha bisogno di annaffiature abbondanti e di luce solare diretta, oltre che di cure nutrizionali specifiche. Non è la coltura migliore per iniziare il mondo dell’orticoltura, ma elencheremo i passaggi fondamentali per la sua coltivazione e gli aspetti principali che dovrete tenere in considerazione quando inizierete a coltivarla.

QUANDO E COME SEMINARE

La coltivazione dei pomodori ha messo molti di noi sottosopra, poiché a seconda della zona in cui viviamo possiamo avviare le nostre piantine da dicembre-gennaio ad aprile-maggio.

Tutto dipende dal clima della zona in cui viviamo e dalle varietà di pomodoro che scegliamo per il nostro orto, giardino in contenitore o giardino urbano.

Per quanto riguarda le modalità di semina, la prima cosa da fare è preparare il terreno dove i nostri semi germoglieranno, vi consiglio di fare una miscela con il 75% di substrato e il 25% del nostro 100% humus di lombrico biologico. In questo modo si creerà l’equilibrio perfetto affinché i nostri semi crescano sani e forti fin dall’inizio.

Il passo successivo sarà la scelta dei semi di pomodoro, ricordando che è molto importante scegliere le varietà giuste in base al nostro spazio di coltivazione: se abbiamo poco spazio, la scelta migliore sono i pomodori determinati, che sono quelli che crescono fino a una certa altezza, se invece avete molto spazio, scegliete i pomodori indeterminati.

sembrando semillas de tomate e1587582753368

Una volta che tutto è chiaro e il substrato è preparato, lo mettiamo nei semenzai. Siamo pronti per la coltivazione del pomodoro. Posizionare almeno 2 semi per buca e inumidire il substrato. Possiamo anche fare la semina diretta, ma per questo abbiamo bisogno di un clima adatto, perché se c’è una gelata la nostra pianta morirà e tutto il nostro lavoro sarà stato vano.

Come consiglio, vi raccomando di annaffiare con acqua tiepida e di sistemare i semenzai in zone a temperatura costante, in modo da favorire una germinazione più rapida.

IL TRAPIANTO

Nella coltivazione del pomodoro, uno dei momenti più importanti per le nostre piante di pomodoro è quando le togliamo dalla culla in cui sono cresciute per un po’ e le mettiamo nella loro nuova casa…

Prima di fare questo dobbiamo prepararlo, quando andiamo in una nuova casa ci piace che abbia tutti i servizi pronti all’uso… elettricità, acqua, porte…. La stessa cosa accade per i pomodori, dobbiamo preparare il terreno in modo che abbia riserve sufficienti per far crescere la pianta senza problemi e senza carenze di nutrienti, perché questo avrà un impatto diretto sulla produzione che questa pianta avrà in futuro.

L’ideale sarebbe preparare il terreno in modo corretto preparando una miscela perfetta; da CULTIVERS ECO vi consigliamo una miscela delle nostre farine, in modo da creare un terreno fertile ed equilibrato per una crescita e uno sviluppo ottimali.

AA015266

Una volta pronto il terreno, è il momento di posizionare la piantina, per questo è meglio che il substrato del semenzaio sia un po’ asciutto in modo da non smontare la zolla e poter così conservare la maggior parte della radice; ricordate che se sono spuntate 2 piantine, prima del trapianto dobbiamo tagliare quella meno vigorosa e sana, mantenendo sempre quella con l’aspetto e la forma migliore, evitando malformazioni.

Ora che la piantina è uscita dal semenzaio, il terreno è pronto… Facciamo una piccola buca nel terreno e introduciamo la piantina il più in profondità possibile, perché in questo modo la nostra pianta creerà più radici e il suo sostegno e l’assimilazione delle sostanze nutritive saranno migliori, in quanto si creerà più superficie radicale.

Infine, l’unica cosa da fare è annaffiare, così la nostra pianta inizierà a ricevere umidità e il suo trapianto sarà un successo.

IRRIGAZIONE DEL POMODORO

Annaffiamo troppo… Annaffiamo troppo poco… Una delle domande che forse ci porta più grattacapi nella coltivazione dei pomodori… È meglio annaffiare molto e ogni pochi giorni o annaffiare poco e ogni pochi giorni? Tutto questo è condizionato dall’accesso all’acqua che abbiamo, perché se non abbiamo l’acqua di rete, l’irrigazione non sarà la stessa di quella che abbiamo.

Secondo la mia esperienza, se disponiamo di acqua di rete, l’ideale sarebbe innaffiare almeno ogni 2 giorni in estate e, se fa molto caldo, una volta al giorno, evitando sempre le ore di maggior irraggiamento solare, cioè la mattina presto o la sera tardi, in modo che le nostre piante possano sfruttare meglio l’umidità che forniamo e che non evapori così rapidamente da far soffrire le nostre piante.

Se non disponiamo di acqua di rete e la nostra irrigazione è limitata, è consigliabile fare almeno 1 irrigazione intensa a settimana durante la stagione calda, bagnando molto bene il terreno in modo che le nostre piante abbiano questa buona acqua più a lungo. Sarebbe ideale anche mettere una pacciamatura o un’imbottitura sul terreno per conservare ancora di più l’umidità.

Ricordate che le piante si abituano a ciò che diamo loro e se ne diamo molta, si abituano a quel livello d’acqua. Se, invece, cerchiamo varietà irrigue, sono geneticamente abituate a ricevere meno acqua e, se seguiamo le giuste linee guida, dureranno molto più a lungo senza bisogno di annaffiature continue.

E come ultima raccomandazione, non bagnate né le foglie né i frutti delle piante di pomodoro durante le ore di luce solare, poiché questi hanno un effetto di ingrandimento e li bruciano; meno si bagnano, meno possibilità hanno le nostre piante di essere visitate dai funghi indesiderati.

riego jardin 1 a

IL POMODORO E LA NECESSITÀ DI UNA GUIDA O DI UN TRALICCIO

Come ho detto all’inizio, esistono due tipi di piante di pomodoro: determinate e indeterminate. I primi non hanno bisogno di essere addestrati, perché sono a crescita bassa e crescono senza problemi.

Per quanto riguarda le varietà indeterminate, abbiamo varietà a canna e striscianti. Come suggerisce il nome, i rampicanti non hanno bisogno di essere addestrati e si sviluppano perfettamente a livello del terreno.

D’altra parte, l’impalcatura o il picchettamento sono necessari perché si sviluppano molto e devono essere guidati e sostenuti in modo da crescere senza problemi.

Esistono molti tipi e forme di pali, tra i quali si distinguono i pali ad asta, i pali a fune e i pali singoli. Questi tre tipi hanno una moltitudine di varianti e sono tra i più utilizzati.

tutor para tomates XxXx80

POTATURA DELLA PIANTA

Per quanto riguarda la potatura dei pomodori, qui entriamo in un’altra zona paludosa… Nella coltivazione dei pomodori c’è chi la fa e chi non la fa, cosa sia giusto fare e cosa no, lo dice l’esperienza. Vi esporremo alcune cose e, in base alle informazioni che vi daremo, sarete voi a scegliere.

La potatura del pomodoro può essere effettuata in due modi:

  • Despunte. Una volta che la pianta di pomodoro ha raggiunto un’altezza adeguata, si esegue una potatura apicale. Impediamo alla pianta di crescere verso l’alto, ma invece cresce in larghezza,
  • Deschuponado. Consiste nel potare gli steli che emergono dalle ascelle delle foglie, che formano nuovi rami da cui nasceranno anche i grappoli floreali.

Ora cosa succede, personalmente lascio le piante di pomodoro con 2 o 3 rami per avere un po’ più di produzione e perché i pomodori non perdano troppo dimensioni, se invece non togliamo i polloni le piante di pomodoro crescono e crescono e l’energia viene distribuita, non solo ci daranno frutti ma cresceranno come un cespuglio.

obrp4

Quali sono gli aspetti positivi e negativi di ciascun metodo:

  • Potatura. Con la potatura riusciamo a mantenere la pianta in forma e in altezza, otteniamo un calibro migliore e riduciamo la possibilità che venga attaccata da parassiti. D’altra parte, il numero di pomodori sarà inferiore.
  • Non potare. Produzione più elevata ma calibro più piccolo, possibilità di avere più parassiti perché è più denso, occupa più spazio e richiede più acqua e nutrienti. Impediamo che i frutti si brucino.

E ora che cosa facciamo… lasciamo tutto nelle vostre mani.

COME E QUANDO RACCOGLIERE I POMODORI

Deve essere raccolto al momento giusto e per questo ci sono gusti diversi… e ci sono colori diversi per gusti diversi. Ad alcuni piace più verde, ad altri molto maturo, ad altri ancora al momento giusto. E quando è? Come facciamo a saperlo?

La regola della quantità di rosso raccolto non è sempre valida, perché, come sapete, sul mercato esistono molte varietà di colori diversi, dal nero al bianco, oltre a tutti i colori che potete immaginare.

Uno dei modi per capire quando un pomodoro è maturo è toccarlo. Quando notiamo che possiamo spremere il pomodoro e che è un po’ morbido, è il momento ideale per raccoglierlo e farlo diventare parte della nostra dispensa.

Per quanto riguarda la raccolta, è molto semplice. Normalmente quando il pomodoro è maturo, quando si piega il frutto, si stacca solo dal gambo che lo tiene al grappolo, un’altra opzione è quella di tagliarlo con le forbici con l’idea di lasciare il grappolo intero.

SocialMedia 1

MALATTIE E PARASSITI COMUNI

I NSETTI DELLA COLTIVAZIONE DEL POMODORO

  • Acaro del ragno (Tetranychus spp.) Gli acari del ragno succhiano il materiale vegetale assorbendo i succhi cellulari come parte della loro dieta. Il tessuto colpito si colora di giallo e diventa necrotico nel tempo. In caso di infestazioni avanzate, intorno all’intera pianta si forma una caratteristica ragnatela.
  • La cimice verde (Nezara viridula) è un emittero fitofago, cioè si nutre della linfa delle piante. Poiché si nutre di piante, è molto comune in tutti i tipi di colture.
  • L’Heliothis (Helicoverpa armigera) è un bruco verdastro dal corpo cilindrico, di dimensioni comprese tra 3 e 5 cm. I danni alla pianta di pomodoro sono causati dalle larve che mordono le foglie o i frutti in fase di crescita, lasciando concavità, di solito in prossimità del picciolo.
  • La mosca bianca (Bemisia tabaci) La femmina della mosca bianca depone le uova sulla parte inferiore delle foglie di peperone. Appaiono sfere bianche visibili. Per nutrirsi, succhia la pianta, indebolendola e causando alla fine un appassimento generale.
  • Liriomyza spp. Le gallerie formate da questo parassita sono visibili a occhio nudo sul lato superiore della foglia. L’adulto misura 2 mm, è di colore nero e giallo e ha ali chiare. Il danno alla pianta di pomodoro è causato dall’adulto che morde la foglia per deporre le uova o per nutrirsi. Le gallerie che si formano diventano col tempo necrotiche, indebolendo la pianta.
  • Tignola del pomodoro (Tuta absoluta) Questo lepidottero ha un’elevata capacità riproduttiva, producendo tra le 40 e le 50 uova durante il suo ciclo vitale, senza svernare. I danni alla pianta di pomodoro si verificano quando le larve penetrano nelle foglie, negli steli o nei frutti per nutrirsi. Gallerie originarie che diventano necrotiche nel tempo.
  • Tripidi (Frankliniella occidentalis) I tripidi sono insetti di forma allungata che misurano circa 1 – 2 mm (visibili a occhio nudo e riconoscibili con una lente di ingrandimento) e sono di colore marrone. Questi insetti succhiano il materiale vegetale dalla pianta di pomodoro. L’area in cui è stata aspirata presenta una colorazione argentea e alla fine diventa necrotica.
bfi1252710129k

MALATTIE NELLA COLTIVAZIONE DEL POMODORO.

  • Antracnosi (Colletotrichum sp.) L’antracnosi compare sul pomodoro quando i frutti sono in fase di maturazione. Su di esse compaiono macchie circolari acquose (dall’aspetto marcio) che sprofondano verso l’interno. Il centro diventa ancora più scuro con il tempo e la marcescenza aumenta.
  • Cladosporiosi (Fulvia fulva) Questa comune malattia del pomodoro colpisce le foglie solo in condizioni di umidità elevata (superiore al 70%). Per individuare questa malattia, si deve vedere una macchia giallo-marrone sulla parte inferiore delle foglie. Il rimedio più efficace è la prevenzione. Intervenire non appena compaiono i primi focolai sulle foglie delle piante di pomodoro, evitando l’acqua stagnante o libera che può rimanere sulle foglie.
  • Peronospora (Phytophthora infestans) Questa malattia causata da un fungo attacca la parte aerea della pianta in condizioni di elevata umidità (90%). La presenza del fungo è rilevata dalla comparsa di macchie irregolari che finiscono per diventare necrotiche sulle foglie. Sul fusto compaiono macchie marroni e sul frutto macchie marroni di forma irregolare.
  • Oidio (Leveillula taurica) Questo fungo compare sulle piante di pomodoro con un micelio biancastro visibile a occhio nudo. La temperatura di germinazione del fungo oscilla tra i 10 ºC e i 35 ºC, con temperature ottimali inferiori ai 30 ºC.
  • Marciume grigio (Botrytis cinerea) Su foglie, steli e fiori sono presenti macchie brunastre (polvere grigiastra), che rappresentano il micelio grigio del fungo. Sui frutti si verifica un marciume morbido e acquoso.
mildiu

PRODOTTI CHE CONSIGLIAMO PER QUESTA COLTURA