Guida alla coltivazione dei peperoni I peperoni appartengono alla famiglia delle solanacee, come i pomodori. Si tratta quindi di una coltura che richiede temperature elevate. Si tratta cioè di una coltura estiva e se si vuole coltivarla in autunno o in inverno è necessario disporre di una serra.

Per quanto riguarda la sua coltivazione, ha bisogno di annaffiature abbondanti e di luce solare diretta, oltre che di cure nutrizionali specifiche. Non è la coltura migliore per iniziare il mondo dell’orticoltura. Tuttavia, elencheremo i passi fondamentali per la sua coltivazione e gli aspetti principali da tenere in considerazione quando si inizia a fare giardinaggio con questa pianta.

QUANDO E COME SEMINARE

L’intervallo di temperatura per una crescita ottimale è compreso tra 15 e 32 gradi Celsius. Un po’ di più al momento della fioritura o quando produce frutti. È necessario tenere conto di intervalli di umidità superiori al 75%. È una pianta soggetta ad attacchi fungini.

Se vi trovate in una zona soggetta a gelate o se c’è una grande differenza di temperatura tra la notte e la mattina, la coltivazione dei peperoni sarà difficile. Dovranno aspettare ancora un po’ per iniziare la coltivazione, finché le temperature non saranno buone.

semi-pepe

Per quanto riguarda le modalità di semina, la prima cosa da fare è preparare il terreno dove i nostri semi germoglieranno, vi consiglio di fare una miscela con il 75% di substrato e il 25% del nostro Humus di vermifugo 100% biologico. In questo modo si creerà l’equilibrio perfetto affinché i nostri semi crescano sani e forti fin dall’inizio.

Il passo successivo sarà la scelta del seme. Tutto dipenderà dallo spazio e dalle esigenze di consumo che abbiamo in casa. Se ci piacciono i peperoni piccanti, i peperoni italiani o i peperoni a quattro angoli…

Una volta che tutto è chiaro e il substrato è preparato, lo mettiamo nei semenzai. Siamo pronti per la coltivazione del pepe. Posizionare almeno 2 semi per buca e inumidire il substrato. Possiamo anche fare la semina diretta, ma per questo abbiamo bisogno di un clima adatto, perché se c’è una gelata la nostra pianta morirà e tutto il nostro lavoro sarà stato vano.

Come consiglio, vi raccomando di annaffiare con acqua tiepida e di sistemare i semenzai in zone a temperatura costante, in modo da favorire una germinazione più rapida.

IL TRAPIANTO

Guida alla coltivazione dei peperoni. L’ideale è trapiantare il peperone quando la pianta ha già le foglie vere. In questo modo si assicura che la nostra pianta abbia già sviluppato le radici e che il fusto sia abbastanza resistente da sostenere il trapianto.

La preparazione del terreno è molto importante. Un buon terreno aiuterà la nostra pianta a crescere senza problemi e a evitare carenze. In questo caso vi consiglio di somministrare un buon concime di fondo con humus di vermi e un po’ di Force Organic. Mescolate bene e il terriccio è pronto.

Ricordate di fare sempre una buca più grande della zolla, aggiungendo un po’ di humus nella buca. Inseriamo la piantina e come consiglio vi consiglio di farlo sopra i cotiledoni. In questo modo si darà maggior sostegno alla nuova pianta.

Una volta che le piante sono state piantate, come dico sempre, è il momento di annaffiarle per bene. In questo modo si manterranno le piante umide e si libererà il terreno da eventuali sacche d’aria.

Semillero de pimientos

IRRIGAZIONE

Guida alla coltivazione del peperone. Innaffiare molto… Innaffiare poco… Una delle domande che forse crea più grattacapi nella coltivazione dei pomodori… È meglio annaffiare molto e ogni pochi giorni o annaffiare poco e ogni pochi giorni? Tutto questo è condizionato dall’accesso all’acqua che abbiamo, perché se non abbiamo l’acqua di rete, l’irrigazione non sarà la stessa di quella che abbiamo.

Le nostre piante di peperone amano l’irrigazione. Sono piante che richiedono acqua, come le solanacee. Hanno bisogno di una buona dose di sole e di annaffiature frequenti, ma senza esagerare. Cercate sempre di innaffiare la parte inferiore della pianta, senza bagnare le foglie. Le piante di peperone sono molto soggette ad attacchi fungini quando l’umidità supera il 75%.

Secondo la mia esperienza, se disponiamo di acqua di rete, l’ideale sarebbe innaffiare almeno ogni 2 giorni in estate e, se fa molto caldo, una volta al giorno, evitando sempre le ore di maggior irraggiamento solare, cioè la mattina presto o la sera tardi, in modo che le nostre piante possano sfruttare meglio l’umidità che forniamo e che non evapori così rapidamente da far soffrire le nostre piante.

D’altra parte, per mantenere un po’ più di umidità nel terreno, sarebbe opportuno pacciamare bene le piante. In questo modo si risparmia acqua e si evita che il pavimento si deteriori.

irrigazione-goccia-pepe

I PEPERONI E LA NECESSITÀ DI UNA GUIDA O DI UN GRATICCIO

I peperoni, come i pomodori, sono una coltura che deve essere potata. Sono piante molto produttive e alla fine sopportano molto peso una volta che sono piene di frutti. Il traliccio impedirà alle nostre piante di rompersi.

Esistono diversi modi per realizzare i tralicci. Può essere realizzato con aste, corde … Qualsiasi metodo e qualsiasi forma sono efficaci, purché svolgano la funzione che cerchiamo. In questo caso, l’obiettivo è mantenere la pianta il più forte e ben irrigata possibile.

20200429072130 pimiento rio grande f 1 web

POTATURA DELLA PIANTA

Abbiamo raggiunto un punto di controversia nella nostra guida alla coltivazione dei peperoni… Molte persone qui hanno opinioni molto diverse… Se si può o non si può… come si fa… Io parlo sempre in base all’esperienza di anni di lavoro con questo tipo di pianta.

È vero che di solito lascio la pianta di pomodoro a se stessa, potando solo occasionalmente per ridurre le dimensioni della pianta. In alcune varietà più di altre. Per esempio, non tocco le piante di peperoncino, cioè non le poto affatto. Potrei potare i peperoni italiani o i peperoni a quattro spigoli se vedo che la pianta sta crescendo con molti steli sotto il livello del garrese. Eseguo questa potatura in modo che la pianta non perda energia in quei germogli bassi, che alla fine non ci forniranno cibo. Ma consumano energia dalla nostra pianta.

potatura del pepe

COME E QUANDO RACCOGLIERE I PEPERONI

Guida alla coltivazione dei peperoni. I peperoni iniziano a produrre normalmente circa 3-4 mesi dopo la semina. Anche questo varia molto a seconda della varietà che abbiamo. Anche qui abbiamo un altro punto di discussione

I peperoni non devono essere raccolti quando sono maturi. Più colore produce, più sarà maturo e dolce nel caso dei peperoni italiani o arrostiti al forno. Ma questo non significa che sia necessario farlo. Se il peperone deve essere consumato in casa, una volta raggiunte le dimensioni che ci interessano, può essere consumato senza problemi.

Ricordate che esiste una moltitudine di colori, quindi spesso non dobbiamo farci guidare dal colore. Ci sono peperoni verdi, gialli, rossi, arancioni, neri…

Per quanto riguarda la raccolta, è molto semplice. La pianta del peperone è una pianta molto debole e, se non stiamo attenti, romperemo il ramo se non tagliamo correttamente il frutto. Vi consiglio di usare un paio di forbici per evitare questo problema. In questo modo si evita la rottura dei rami e la perdita dei frutti.

pepe-maturo

MALATTIE E PARASSITI COMUNI

I NSETTI DELLA COLTIVAZIONE DEL PEPERONE

  • Acaro del ragno (Tetranychus spp.) Gli acari del ragno succhiano il materiale vegetale assorbendo i succhi cellulari come parte della loro dieta. Il tessuto colpito si colora di giallo e diventa necrotico nel tempo. In caso di infestazioni avanzate, intorno all’intera pianta si forma una caratteristica ragnatela.
  • La cimice verde (Nezara viridula) è un emittero fitofago, cioè si nutre della linfa delle piante. Poiché si nutre di piante, è molto comune in tutti i tipi di colture.
  • La mosca bianca (Bemisia tabaci) La femmina della mosca bianca depone le uova sulla parte inferiore delle foglie di peperone. Appaiono sfere bianche visibili. Per nutrirsi, succhia la pianta, indebolendola e causando alla fine un appassimento generale.
  • Liriomyza spp. Le gallerie formate da questo parassita sono visibili a occhio nudo sul lato superiore della foglia. L’adulto misura 2 mm, è di colore nero e giallo e ha ali chiare. I danni alla pianta di peperone sono causati dall’adulto che morde la foglia per deporre le uova o per nutrirsi. Le gallerie che si formano diventano col tempo necrotiche, indebolendo la pianta.
  • Tripidi (Frankliniella occidentalis) I tripidi sono insetti di forma allungata che misurano circa 1 – 2 mm (visibili a occhio nudo e riconoscibili con una lente di ingrandimento) e sono di colore marrone. Questi insetti succhiano il materiale vegetale dalla pianta di pomodoro. L’area in cui è stata aspirata presenta una colorazione argentea e alla fine diventa necrotica.
cimice dei letti-peperoncino

MALATTIE NELLA COLTIVAZIONE DEL PEPE.

  • Peronospora (Phytophthora infestans) Questa malattia causata da un fungo attacca la parte aerea della pianta in condizioni di elevata umidità (90%). La presenza del fungo è rilevata dalla comparsa di macchie irregolari che finiscono per diventare necrotiche sulle foglie. Sul fusto compaiono macchie marroni e sul frutto macchie marroni di forma irregolare.
  • Oidio (Leveillula taurica) Questo fungo compare sulla pianta di peperone con un micelio biancastro visibile a occhio nudo. La temperatura di germinazione del fungo oscilla tra i 10 ºC e i 35 ºC, con temperature ottimali inferiori ai 30 ºC.
  • Marciume grigio (Botrytis cinerea) Su foglie, steli e fiori si formano macchie brunastre (polvere grigiastra), che sono il micelio grigio del fungo. Sui frutti si verifica un marciume morbido e acquoso.
oidio del peperone

PRODOTTI CHE CONSIGLIAMO PER QUESTA COLTURA