Nella guida alla coltivazione della lattuga abbiamo spiegato che la lattuga(Lactuca sativa) è il tipo di lattuga più comune. L.) è stata, è e continuerà a essere una delle regine dell’orto. Se avete un orto e non avete la lattuga…. è come se mancasse qualcosa. E il fatto è che l’ampia disponibilità di varietà ci permette di avere lattuga tutto l’anno per le nostre insalate. Un altro dei vantaggi di avere la lattuga in giardino è che ci invita a sperimentare nuove varietà e ci fa uscire dalla routine dell’insalata quotidiana. Se si fa la spesa al supermercato, è probabile che si scelga la lattuga romana o la lattuga iceberg. Se invece le coltivate nell’orto, sceglierete inconsapevolmente la foglia di quercia, il trocadero, la batavia rossa, la batavia verde, la lollo rossa e tante altre.

Senza dubbio, è una coltura che non dovrebbe mancare in nessun orto o giardino in vaso.

QUANDO E COME SEMINARE

Nella guida alla coltivazione della lattuga spiegheremo le stagioni di trapianto, possiamo dire che tutto l’anno. Il modo più semplice è seminare direttamente a spaglio, diradando man mano che le piante si sviluppano per lasciare gli spazi necessari. È comune una distanza di circa 25-30 cm tra le piante. La semina diretta non può essere effettuata tutto l’anno, per cui è molto importante la semina in semenzaio e il successivo trapianto tramite puntura.

zanahoria dfc7f6a7 85ba 4672 a898 37774abf1e4e

È anche vero che essendo una pianta di facile coltivazione e crescita è bene avere un buon lotto di piantine con semine scaglionate, così avremo questa deliziosa pianta in produzione nel nostro giardino per tutto l’anno grazie alla guida alla coltivazione della lattuga.

IRRIGAZIONE

Una delle cose più importanti è che bisogna evitare sempre i ristagni d’acqua (certi marciumi del colletto), quindi le annaffiature non devono essere troppo abbondanti ma frequenti, mantenendo il livello di umidità il più stabile possibile. L’irrigazione a goccia o l’irrigazione a goccia sono ancora i sistemi più adatti per questa coltura grazie alla loro portata costante senza problemi di ristagno d’acqua.

sistema de riego peru

DEVE ESSERE LEGATO?

Le lattughe hanno una crescita rapida: in circa tre mesi dalla semina sono pronte per la raccolta. Di solito vengono lasciati crescere da soli, perché finché hanno acqua e le sostanze nutritive necessarie, saranno deliziosi quando li assaggerete. Tuttavia, alcune varietà, come la Romana, dovrebbero essere legate 5 o 6 giorni prima della raccolta.

razon para atar lechugas

La legatura permette al germoglio di svilupparsi meglio, sbiancando allo stesso tempo le parti che saranno nascoste dal sole. Ma se siamo molto più interessati alle foglie che al germoglio, non è importante farlo.

COME E QUANDO RACCOGLIERE

Grazie alla guida alla coltivazione della lattuga vi mostreremo quando raccogliere la lattuga dipende interamente dal momento in cui la piantate; la lattuga è una coltura di stagione fresca che non tollera il caldo intenso e quindi è importante raccogliere la lattuga prima che le temperature si alzino troppo in estate. Dobbiamo anche ricordare che ci sono varietà che raccolgono meno e sono quelle che dovrebbero essere piantate in estate.

La varietà piantata determina anche il momento del raccolto. Come regola generale, la lattuga raccolta in autunno impiegherà circa 65 giorni per il raccolto, mentre quella piantata in inverno ne richiederà circa 100.

SyngentaSalads

Il modo migliore per raccogliere la lattuga è usare un coltello affilato per tagliare le teste dei gambi quando sono ancora sode. È sufficiente praticare un taglio netto appena sotto la testa attraverso il gambo. Inoltre, i cespi di lattuga dovrebbero essere raccolti sempre al mattino, quando le temperature non sono troppo elevate.

Se avete poco spazio e volete ottenere di più dalle vostre lattughe, non è necessario raccogliere tutta la lattuga, basta cogliere le foglie che mangerete quel giorno, la pianta continuerà a crescere senza problemi e potrete gustarla fresca per più giorni.

MALATTIE E PARASSITI COMUNI

I NSETTI.

  • La cocciniglia grigia (Agrotis sp.) colpisce un’ampia varietà di piante, tra cui patate, barbabietole, asparagi, crucifere, ecc. Tende ad essere attratto da aree fresche e umide come quelle offerte dalla coltivazione della lattuga. Di notte si nutrono di foglie e di giorno si nascondono sotto terra.
  • Minatori fogliari (Liriomyza trifolii) All’interno della foglia di lattuga, le larve scavano gallerie nutrendosi del tessuto parenchimatico. Questo parassita presta particolare attenzione all’inizio della piantagione, ritardando l’inizio della maturazione o addirittura rifiutando il prodotto commerciale.
Gusano gris 1
  • La mosca bianca (Trialeurodes vaporariorum) è altamente polifaga e attacca un’ampia varietà di colture. Il danno si verifica quando si nutre della linfa della pianta, causando l’ingiallimento e il successivo indebolimento della pianta. Allo stesso tempo producono melata e attirano l’infezione del fungo “negrilla”. Un altro problema importante della mosca bianca è che è portatrice di virus non curabili e può spazzare via il raccolto in breve tempo.
  • Tripidi (Frankliniella occidentalis) Il tripide è un insetto presente in un gran numero di colture e uno dei più problematici. I sintomi sulla lattuga compaiono dopo che i tripidi hanno morso la foglia. Il livello di danni alle colture dipende dalla popolazione e dal numero di punture. Tuttavia, l’aspetto più problematico di Frankliniella occidentalis è la sua capacità di trasportare numerosi virus, tra cui il Tomato spotted wilt virus (TSWV).

MALATTIE.

  • Alternaria (Alternaria dauci – Stemphyllium spp.) Questa malattia fungina si riconosce dalla presenza di piccole macchie scure sulle foglie di lattuga. Tende a svilupparsi in condizioni di elevata umidità, per cui talvolta si interviene preventivamente durante le stagioni piovose.
  • Antracnosi (Microdochium panattoniana) Di solito compare sulle foglie più vecchie prima del resto delle foglie, con particolare predominanza su nervatura centrale, picciolo e lamina fogliare. Sulle foglie compaiono piccole macchie giallastre infossate con margine rossastro o necrotico. Con il tempo, questo anello rossastro si estende verso l’interno, necrotizzando l’intera zona.
  • Sclerotinia (Sclerotina sclerotiorum) Questa malattia provoca la comparsa di marciume molle biancastro sulle foglie di lattuga. L’infezione inizia nella parte basale della pianta e si diffonde nel tempo. Questo fungo può rimanere nel terreno fino a 5 anni.
Sclerotinia en lechuga
  • Oidio (Erysiphe cichoracerum) L’oidio è una malattia fungina ben nota e diffusa su quasi tutte le colture. Di solito si sviluppa sia sul lato superiore che su quello inferiore della foglia, ricoprendo le foglie esterne con un micelio polveroso biancastro . Di solito compare quando il clima è poco umido (umidità relativa intorno al 70%) e quando non c’è la stagione delle piogge.
  • Marciume grigio (Botrytis cinerea) Questo fungo può comparire in qualsiasi fase vegetativa della lattuga. Di solito è legata a un eccesso di umidità, quindi il controllo dell’irrigazione è molto importante. Anche l’aerazione è una buona tecnica per prevenire la diffusione di questa malattia. L’attacco inizia solitamente alla base della lattuga, anche se può comparire anche su foglie che presentano ferite, problemi o fisiopatie.
  • Septoria (Septoria lactucae) La Septoria produce macchie sulla parte inferiore delle foglie. Per la comparsa di questo fungo, la coltura deve trovarsi in zone ad alta umidità o nella stagione delle piogge. Sulle foglie compaiono piccole macchie clorotiche di forma irregolare. Con il tempo, queste macchie diventano necrotiche e intorno ad esse si forma un anello clorotico, sintomo del progredire della malattia.

PRODOTTI CHE CONSIGLIAMO PER QUESTA COLTURA