Cosa sono gli UCCELLI?

Gli afidi sono uno dei parassiti più comuni che colpiscono le colture e le piante del nostro giardino. Si tratta di piccoli insetti che si nutrono della linfa di steli e foglie; di solito questi insetti sono associati alle formiche, poiché queste le usano come cibo, si potrebbe dire che sono le mucche delle formiche.

In seguito alla comparsa di questo parassita, le piante si ammalano e possono addirittura morire. Inoltre, esistono diversi tipi di afidi sulle piante: afide nero, afide verde, afide giallo, afide bianco e afide rosso.

Perché ci sono afidi sulle nostre piante?

Le cause più frequenti della comparsa di questo parassita sono l’aumento delle temperature, la mancanza di nutrimento o l’eccessiva irrigazione e, come abbiamo detto prima, la comparsa delle formiche.

WhatsApp Image 2019 04 11 at 20.12.30 1

Si tratta di un parassita che, come abbiamo detto, attacca molte specie di piante, ma è molto comune tra i rosai, le piante orticole, gli alberi da frutto, i pioppi e le conifere.

Come influisce l’afide sulle nostre piante?

La debolezza causata alla pianta da questo attacco ne rallenta la crescita e riduce la fioritura, poiché si nutrono della linfa e di conseguenza le nostre piante si ammalano.

D’altra parte, gli afidi possono trasmettere malattie da una pianta all’altra: dopo essersi nutriti di una pianta infetta, si spostano su una pianta sana e, dopo essere stati attaccati, la pianta infetta può contrarre altre malattie da altre piante malate.

pulgones bacteria

Come eliminare gli afidi in modo naturale?

PREDATORI DI AFIDI

Coccinelle (coccinellidi). Sono i predatori più conosciuti. Sono molto voraci sia da adulti che da larve. Le specie più importanti sono Adalia bipunctata (coccinella a due macchie) e Coccinella septempuctata (coccinella a sette macchie)

Mosche del setaccio (Sylphidae). Hanno un grande potenziale come agenti di controllo biologico degli afidi. La mosca adulta è un insetto impollinatore e le femmine ovulano in prossimità delle colonie di afidi. Lo stadio larvale è afidofago (si nutre esclusivamente di afidi), anche se a volte soffrono anche di parassitismo, che ne riduce l’efficacia. Nella strategia di controllo degli afidi all’aperto, è importante avere piante insettifere che forniscano cibo agli adulti (Lobularia, Coriandrum, Fagopyrum, Chrysanthemum, Phacelia, ecc.). Il sirfide più comunemente utilizzato è l’Episyrphus balteatus.

Zanzare Cecidomyid. Come gli sifidi, solo i loro stadi larvali sono predatori specifici di afidi. Hanno una buona capacità di individuare nuovi focolai di parassiti e sono ampiamente utilizzati nelle emissioni su colture orticole svernate. Il più comunemente usato è Aphidoletes aphidimiza

Crisopa. Sono predatori generalisti, cioè consumano un gran numero di insetti nocivi, come tripidi, mosche bianche, minatori fogliari, ecc. Sebbene sia gli stadi adulti che quelli larvali si nutrano normalmente di afidi, nel caso della Crhysoperla carnea, l’insetto più comunemente usato per il controllo biologico, solo lo stadio larvale è un predatore.

Que comen las mariquitas o catarinas

PARASSITOIDI DEGLI AFIDI

L’azione dei parassitoidi svolge un ruolo importante nella riduzione delle popolazioni di afidi sia all’aperto che in serra. I più importanti sono i microfili (imenotteri) appartenenti alla sottofamiglia Aphidiinae.

Lysiphlebus testaceipes. È il parassitoide più diffuso ed efficace per il controllo degli afidi nel giardinaggio e in altre colture all’aperto. Pur non essendo autoctona, è diffusa in tutta la fascia mediterranea. Controllo altamente efficace dell’afide degli agrumi Toxoptera aurantii e del pericoloso afide polifago Aphis gossypii

Aphelinus abdominalis. Una vespa particolarmente adatta al controllo degli afidi Macrosiphon euphorbiae e Myzus pericae.

Aphidius colemani e Aphidius ervi. Per il controllo di afidi piccoli e grandi, rispettivamente. Vengono utilizzate all’aperto e per l’allentamento delle piene nelle colture protette.

unnamed 1